• Istituto Salvemini
  • Istituto Salvemini
  • Istituto Salvemini

La biblioteca

Si è trasferita presso il Polo del '900. Consulta gli orariloghino modulo biblio

Attività e ricerca

logo-piccolo

Immagine2

newsletter

Partnership:

JPEG ismel colore RGB 300dpi 1

polo del 900

Modulo_digitaliz_Avanti

Modulo_libri_doppi

Ultima pubblicazione

 
Novarino 2

Seguici su Facebook




associarsi

istituto

fotovideo

Pagina in costruzione

COPERTINATre giornate dedicate al tema dell'opposizione tedesca al nazismo che offrono una riflessione su alcuni aspetti poco conosciuti della resistenza di cittadini, politici, intellettuali, artisti e militari tedeschi al regime nazista.


L'incontro:


Giovedì 27 aprile (al Polo del '900, Sala conferenze)

Mattino, ore 10.00 — 13.00

Moderatore: Marco Novarino
10.00: Saluti delle autorità (Nino Boeti, vice-presidente Consiglio regionale; Sergio Soave, presidente Polo del '900)
10.20: Widerstand, Opposition, Resistenz: dell'impossibilità del totalitarismo - Brunello Mantelli
10.50: L'emigrazione intellettuale e l'opposizione al nazismo - Marco Brunazzi
11.30: Militari dell'esercito tedesco nella resistenza italiana - Marco Minardi
12.00: La resistenza attraverso la letteratura e la memorialistica - Gerhard Friedrich
12.30: Dibattito

Pomeriggio, ore 14.30 — 18.00

Moderatore: Barbara Berruti
14.30: Saluti degli enti organizzatori
15.00: Proiezione di Die Stillen im Lande e Nieder mit Hitler
16.30: Testimonianza di Hans Brauwers, figlio del partigiano tedesco Heins Brauwers, conosciuto con il nome di battaglia di "Ausonia", in dialogo con Brunello Mantelli
17.00: La Casa dello studente di Genova e la memoria della resistenza tedesca in Italia - Giuliano Bono
17.30: Dibattito

Le proiezioni cinematografiche:


Mercoledì 12 aprile, ore 20.30 (al Goethe-Institut)

Stärker als die Nacht (Più forti della notte) di Slatan Dudow, 115', DDR 1954

Giovedì 27 aprile, ore 15.00 (al Polo del '900)

Die Stillen im Lande (I silenziosi nella nazione) di Thomas Füting, 45', D 1991
Nieder mit Hitler (Abbasso Hitler) di Jochen Voit, 23', D 2015

Mercoledì 3 maggio, ore 20.30 (al Goethe-Institut)

Die Rote Kapelle (L'orchestra rossa) di Stefan Roloff, 80', D 2004

 

Mercoledì 22 e Giovedì 23 marzo Locandina Mostraore 9.30 - 18.30

 Mostra

Catalogna bombardata


Camera del Lavoro provinciale di Torino
Via Pedrotti 5, Torino

 In occasione dell'80° anniversario dei bombardamenti su Barcellona, il Centro di Documentazione Antonio Labriola, l'Istituto Salvemini e la CGIL di Torino ospitano la mostra Catalogna bombardata, realizzata dal Memorial Democràtic della Generalitat de Catalunya. Fra il 1937 e il 1938 furono numerosi i bombardamenti dell'aviazione fascista italiana su Barcellona, che fu la prima grande città europea a subire attacchi aerei con gravi danni e molte vittime fra la popolazione civile.

Giovedì 23 marzo ore 17.00

Tavola rotonda

 

Alla tavola rotonda intervengono: Enrica Valfrè, Doriano Maglione, Giuseppe Bonfratello, Marco Novarino, Marco Brunazzi.

 

 Per saperne di più

bambino-191x300Presentazione del libro

Il bambino nella neve

di Włodek Goldkorn

Mercoledì 22 marzo ore 18.00

L'autore Włodek Goldkorn dialoga con Sarah Kaminski e Donatella Sasso
Letture a cura di Eleni Molos

Sala '900, Palazzo San Daniele,
Via del Carmine 14, Torino

Cos'è la memoria? Cos'è il passato? Cosa resta delle vite e delle morti di chi abbiamo amato, di chi ci ha preceduto? Riflessioni universali, che diventano lancinanti quando si applicano al passato di un ebreo, polacco e comunista, cresciuto nel dopoguerra in una patria che l'ha poi rinnegato.
La presentazione si svolge all'interno del Festival Slavika organizzato dal Polski Kot in collaborazione con l'Istituto Salvemini.

Per saperne di più

Egemonia vunerabile locandinaMarco Brunazzi incontra

Gian Enrico Rusconi

autore del libro

Egemonia vulnerabile.

La Germania e la sindrome di Bismarck.

(Il Mulino, Bologna, 2016)

Giovedì 16 marzo
ore 18.00

Sala Conferenze di Palazzo San Celso
Corso Valdocco 4/a

Presenta Marco Novarino

"Dobbiamo convincere il mondo che un'egemonia tedesca in Europa agisce in modo più utile, imparziale e meno dannoso per la libertà che un'egemonia di altri": così scriveva Otto von Bismarck. Oggi naturalmente la Germania agisce in un contesto storico e politico diverso, innanzi tutto per l'esistenza dell'Unione europea di cui è parte integrante. Ma proprio nel corso dell'attuale crisi economico-finanziaria si è delineata una nuova egemonia tedesca. Di nuovo una "sindrome Bismarck"? Ancora una volta la Germania si trova a fare i conti con la vulnerabilità della sua egemonia.

Per saperne di più - Per partecipare

 

storia del fascismo - AstiIncontro

La violenza squadrista e il delitto Matteotti

di Marco Brunazzi

 

Martedì 14 marzo ore 17.00

Sala Platone del Municipio di Asti
piazza San Secondo, Asti


Marco Brunazzi interviene al primo incontro della rassegna Tre incontri sulla storia del Fascismo per ricordare, per riflettere, per capire organizzata dall'Anpi provinciale di Asti, dall'Istituto per la storia della Resistenza di Asti e dalla Casa della Memoria, della Resistenza e della Deportazione di Vinchio.

Per saperne di più

Img 3
 
Ricordando Filippo
A un anno dalla scomparsa dell’on. Filippo Fiandrotti amici e compagni lo raccontano

Giovedì 23 febbraio, ore 17.30
Sala Conferenze di Palazzo San Celso
Corso Valdocco 4/a

A un anno dall’improvvisa scomparsa di Filippo Fiandrotti, l’Istituto Salvemini, erede del suo archivio personale e politico, promuove un incontro per ricordarne la figura e il forte impegno politico che lo caratterizzarono.

Sarà anche l’occasione per tutti coloro che lo desiderano di intervenire e portare la loro testimonianza.

Intervengono
Felice Borgoglio - Juan Antonio Matesanz - Libertino Scicolone - Virgilio Baccalini - Claudio Bellavita
Annibale Crosignani - Giuseppe la Ganga - Eugenio Bozzello - Nerio Nesi

Modera Roberto Nebiolo
A seguire testimonianze
 
Saranno con noi Elisa Fiandrotti e Lola Matesanz Fiandrotti
 

Trump 5L'Istituto Salvemini e il Circolo dei Riformisti organizzano il dibattito

Presidenza Trump. Uno shock salutare?

Venerdì 17 febbraio, ore 18.00

Fabian Cafè Torino, Via Pisa 11, Torino

Un tentativo di riflessione sulla clamorosa elezione presidenziale americana, che ha portato al vertice della più grande potenza mondiale un leader inedito del populismo più aggressivo. Ne discutono studiosi e osservatori politici, con particolare riferimento ai riflessi italiani.


Intervengono

Giovanni Ferrero, Istituto Salvemini
Gian Giacomo Migone, Docente di Storia dell’America del Nord

Modera

Giuseppe La Ganga, Presidente Circolo dei Riformisti

copertina

Presentazione del libro 

Dal Patto di Londra alla Pace di Roma
di Gaetano Salvemini

Giovedì 16 febbraio ore 17.30
Libreria Claudiana Torino
Via Principe Tommaso 1, Torino

Intervengono

Marco Brunazzi, Vice-presidente Istituto Salvemini
Massimo Salvadori, Professore emerito di Dottrine Politiche
Bartolo Gariglio, Professore di Storia contemporanea
 
Convinto sostenitore dell’interventismo democratico, Salvemini interpretò il primo conflitto mondiale come contrapposizione delle potenze liberali al tentativo egemonico degli autocratici Imperi centrali. Promosse quindi l’idea di una pace ‘giusta’, basata sul principio dell’autodeterminazione e della nazionalità, che avrebbe finalmente portato i vari Stati alla democrazia partecipativa. Fermo oppositore del patto di Londra, in questo volume cerca di spiegare all’opinione pubblica gli errori dell’azione diplomatica italiana.

foto locandina Unfinished


Mercoledì 15 febbraio alle ore 17.30 al Polo del '900

proiezione del film documentario 

Shtikat Haarchion - Un film incompiuto

 

di Yael Hersonski

Israele e Germania, 89 minuti, 2010

Versione originale sottotitolata in italiano

Il film verrà presentato da
Sarah Kaminski, Gruppo di studi ebraici di Torino
Michele Marangi, Critico cinematografico

Un film incompiuto prende il via dal ritrovamento di un documentario prodotto da una troupe nazista nel '42 all'interno del ghetto di Varsavia, con l'intenzione propagandistica di dimostrare al mondo una deviante immagine della vita degli ebrei. La bobina, rimasta abbandonata in un archivio della DDR fino al '54, è stata ricomposta dalla regista israeliana Y. Hersonski insieme a testimonianze di alcuni sopravvissuti frutto di una scrupolosa ricerca storica e un notevole senso critico. Il risultato è un film coeso e dal forte impatto visivo.

Per saperne di più

Ti informiamo che, per migliorare la tua esperienza di navigazione su questo Sito sono utilizzati dei cookies. Cliccando su “Accetto ” o continuando la navigazione saranno attivati tutti i cookies specificati nell' Informativa estesa ai sensi dell’art. 13 del Codice della privacy. per sapere di più sui cookie e come cancellarli guarda la nostra privacy policy.

Accetto i cookie da questo sito