• Istituto Salvemini
  • Istituto Salvemini
  • Istituto Salvemini

Spagna contemporanea

logo-piccolo

polo del 900

progetto Ismel

Modulo_digitaliz_Avanti

Modulo_libri_doppi

Ultima pubblicazione

 
Copia di Copertina M. Magnani

News Istituto

  • 1
  • 2
News1 . . . . .   Read more
News2 Offerta didattica ISMEL per l'anno scolastico 2013/2014 Per il terzo anno ... Read more
News3 Ricerche in corso: progetto di ricerca su "L’Italia e il sindacato libero p... Read more
News4 E' uscito il n. 45 della rivista "Spagna contemporanea"    ... Read more
News5 Ultima pubblicazione: Maria Elena Cavallaro, La Spagna oltre l’ostacolo. L... Read more
News6 Ricerche in corso: progetto di ricerca su "Donna & Donne". Quattro b... Read more

News cultura

La cultura per lo sviluppo del Piemonte

La cultura per lo sviluppo del Piemonte
La cultura per lo sviluppo del Piemonte Verso gli Stati Generali della Cultura come impegno per il prossimo governo regionale. Domenica 11 maggio 2014
ore 9.30-12.30
Incontro pubblico
Sala...
Leggi tutto...

Appello in favore delle biblioteche e degli arvichi statali

Appello in favore delle biblioteche e degli arvichi statali
*APPELLO IN FAVORE DELLE BIBLIOTECHE E DEGLI ARCHIVI STATALI* Gli archivi e le biblioteche statali italiane, custodi di un enorme patrimonio di libri e documenti, rischiano la chiusura nel giro di pochi...
Leggi tutto...

Seguici su Facebook




associarsi

istituto

fotovideo

Pagina in costruzione

Solidarnosc convegno Roma ost

PROGRAMMA DEL CONVEGNO
Solidali con Solidarność
in memoria di Tadeusz Mazowiecki
ROMA, 27 novembre 2014
Auditorium, via Rieti 13


Ore 9.30 Saluto
Wojciech Ponikiewski – Ambasciatore di Polonia in Italia
Piero Ragazzini - Segretario Confederale CISL

Ore 9.35 ricordo di Tadeusz Mazowiecki
Emilio Gabaglio – già presidente delle ACLI, dirigente della CISL e Segretario generale della Confederazione Europea dei Sindacati
Luigi Geninazzi - giornalista e scrittore, corrispondente da Varsavia negli anni Ottanta, autore del libro “L'Atlantide rossa. La fine del comunismo in Europa”

Ore 10.00 "A Solidarność conduceva un sentiero molto stretto…."
Andrzej Wielowieyski – già consigliere di Solidarność e senatore della Repubblica di Polonia

Ore 10.15 Presentazione del progetto di ricerca “L’Italia e Solidarność. Archivi e testimonianze” finanziato dalla Fondazione Sbranti
Modera: Marek Lehnert – corrispondente di Polskie Radio (Radio polacca) dall’Italia
Krystyna Jaworska - Università degli Studi di Torino
Antonio Macchia – Università degli Studi Internazionali di Roma
Donatella Sasso – Istituto di Studi Storici Gaetano Salvemini

Ore 11.00 Tavola rotonda: “Memoria orale e archivi su Solidarność. Ruolo della Chiesa, dei Sindacati e dei movimenti non istituzionali nella caduta del regime comunista nei paesi dell’Europa Centro-Orientale”
Moderano: Włodek Goldkorn - giornalista dell'Espresso e Luigi Geninazzi – giornalista e scrittore
Piotr Nowina-Konopka - ex collaboratore e portavoce del presidente di “Solidarność” Lech Wałesa, Ambasciatore di Polonia presso la Santa Sede
Padre Adam Boniecki – ex redattore dell’edizione polacca dell’Osservatore Romano
Giuseppe Iuliano – Dipartimento internazionale della Cisl
Giorgio Benvenuto - ex segretario generale Uil
Giacinto Militello - ex dirigente Cgil
Luigi Cal - Direttore dell’Ufficio ILO per l’Italia, ex Direttore del Dipartimento internazionale della CISL
Ulrico Leiss – Console onorario di Polonia a Torino
Wanda Romer – ex Presidente Comitato aiuti per la Polonia, Torino

ore 12.40 Storia del manifesto elettorale di Solidarność edito in Italia
Tadeusz Konopka - ex responsabile del Comitato di Solidarietà con Solidarność presso CGIL-CISL-UIL, corrispondente ANSA
Joanna Heyman Salvadé - presidente Associazione dei Polacchi in Italia

Ore 13.00 Inaugurazione della mostra: “Solidarność nei documenti della Fondazione Giangiacomo
Feltrinelli” realizzata dal Consolato Generale della Repubblica di Polonia in Milano e dalla
Fondazione Giangiacomo Feltrinelli 

Invito mostra Solidarnosc

Ognisko Polskie w Turynie-Comunità Polacca di Torino
con il Consolato Onorario di Polonia in Torino
l’Istituto Alfieri Carrù Onlus

presentano la mostra

SOLIDARNOŚĆ NEI DOCUMENTI DELLA FONDAZIONE GIANGIACOMO FELTRINELLI

dal 15 al 22 novembre 2014

presso l’Istituto Alfieri Carrù Onlus, via Accademia Albertina 14dalle ore 16.00 alle 19.00

Inaugurazione sabato 15 novembre ore 17.00

Ore 17.00 Incontro nel salone dell’Istituto Alfieri Carrù Onlus e saluti delle Autorità presenti
Introduce Wanda Romer Sartorio, Presidente della Comunità Polacca di Torino, Ognisko Polskie w Turynie

Ore 17.30 Inizio lavori della Tavola Rotonda con:
Fredo Olivero, già responsabile dell’Ufficio internazionale Cisl Torino
Marco Brunazzi, Vice presidente Istituto Salvemini
Krystyna Jaworska, Università di Torino, curatrice della mostra
Donatella Sasso, Istituto Salvemini, curatrice della mostra
Ulrico Leiss de Leimburg, Console Onorario della Repubblica di Polonia
Wanda Romer Sartorio, Presidente della Comunità Polacca di Torino, Ognisko Polskie w Turynie, e negli anni 80 Presidente del Comitato Aiuti per la Polonia presso l’Istituto Alfieri Carrù Onlus

Ore 18.30 Visita della Mostra su Solidarność

Ore 19.00 Aperitivo "polacco" a cura della Comunità Polacca di Torino

Copia di INVITO BAROVERO

L’ISMEL, in collaborazione con la Biblioteca Civica Ginzburg, organizza la proiezione del video

Quando a Torino si facevano i mobili.

Storia dell’Industria Mobili Barovero

mercoledì 5 novembre 2014, ore 18,00 – 20,30 presso la Biblioteca Natalia Ginzburg via Lombroso 16, Torino

Michele Barovero fonda nel 1945 l’Industria Mobili Barovero. Con lui, nella piccola fabbrica di via Belfiore, lavorano tre impiegati. Qualche anno più tardi gli operai saranno una trentina. Contemporaneamente acquista un locale in via Belfiore all’angolo con via Valperga Caluso, trasformandolo in uno spazio espositivo e commerciale che arriverà ad avere ventisette vetrine. Nel 1960 brevetta il Selex, un sistema innovativo che rivoluzionerà il mercato del mobile. L’anno successivo apre a Grugliasco uno stabilimento con circa 200 operai. A partire dagli anni Ottanta, l’Industria Mobili Barovero inizia un lento declino: nel 1982 chiude Grugliasco e, nel 1987, il negozio di via Belfiore. Attraverso testimonianze, immagini e fotografie, il video racconta la parabola di una delle più importanti industrie del mobile della città.


Intervengono:
Enrico Miletto e Donatella Sasso, ISMEL
Monica Mantelli
, giornalista e già vice presidente Adi Piemonte e Valle d’Aosta

Marco Brunazzi
,
Istituto Salvemini
Testimonianza di Mirella Barovero
Modera: Marcella Filippa, ISMEL

Raniero Panzieri LOCANDINA

Martedì 14 ottobre, ore 17.00-19.30 al Centro studi Piero Gobetti in via Fabro 6, Torino, presentazione del libro

Il marxismo militante di Raniero Panzieri

di Cesare Pianciola

Ingresso libero

In occasione del 50° anniversario della scomparsa di Raniero Panzieri, il Centro studi Piero Gobetti e l’Istituto di studi storici Gateano Salvemini organizzano l’incontro Riflessioni e testimonianze a partire dal libro Il marxismo militante di Raniero Panzieri di Cesare Pianciola (Centro di Documentazione Editrice, Pistoia 2014).

Nell’era del capitalismo finanziario, un appuntamento dedicato a uno dei fondatori dell’operaismo italiano e alla sua riattualizzazione militante, e non ortodossa, critica, e non accademica, di Marx. Qual è il lascito della figura di Raniero Panzieri e dell’esperienza originale dei “Quaderni rossi”? L’incontro vuole essere una riflessione su un periodo della storia della sinistra che appare lontano ma in qualche modo ci concerne.

Intervengono: Marco Brunazzi, Sergio Dalmasso, Liliana Lanzardo e Giovanni Mottura.

Introduce Pietro Polito.


Copertine2La Consulta femminile regionale del Piemonte, il giorno 24 settembre alle ore 12,00 in Sala Viglione a Palazzo Lascaris (via Alfieri, 15 Torino), promuove la conferenza stampa di presentazione delle biografie dedicate alle figure di quattro politiche torinesi, curate dall'Istituto Salvemini per la collana della Consulta femminile “Donna & Donne”.

In particolare:
Maria Magnani Noya, a cura di Caterina Simiand 
Angiola Massucco Costa, a cura di Emiliana Losma
Giovanna Cattaneo e Nicoletta Casiraghi, a cura di Donatella Sasso

Partecipano:
Daniela Ruffino, Vice Presidente del Consiglio, delegata alla Consulta femminile
Maria Agnese Vercellotti Moffa, Presidente della Consulta regionale del Piemonte
Marco Brunazzi, Vice Presidente dell'istituto Salvemini


Foto di Paolo Siccardi/Sync

vaccarino

L'Istituto Salvemini si unisce al cordoglio per la morte del prof. Gian Luigi Vaccarino, insigne studioso e presidente dell'Ismel, l'Istituto per la memoria del lavoro e dell'impresa, a cui insieme abbiamo lavorato in questi ultimi anni. Si era dedicato con passione a questo suo ultimo impegno a sostegno della cultura del lavoro e per la salvaguardia del suo patrimonio archivistico, prima che una morte improvvisa, quanto prematura, lo strappasse ai suoi affetti e ai suoi amici. Addio Gian da tutti noi.

La camera ardente sarà aperta lunedì 15 settembre 2014 dalle ore 10.00 alle ore 15,30 nella sala del Palazzo dell'Antico Macello di Po in via Matteo Pescatore 7 a Torino.
Alle ore 11.00 avrà luogo una breve cerimonia di saluto.

 

SaragatIl Sindaco Piero Fassino,
il Presidente del Consiglio comunale Giovanni Porcino
sono lieti di invitare i torinesi alla cerimonia di intitolazione di un giardino a ricordo
del Presidente della Repubblica italiana

Giuseppe Saragat

sito all’interno dell’area compresa
tra via Ternengo/via Pacini e via Bioglio/via Leoncavallo

Venerdì 5 settembre 2014
alle ore 11.00

Invito 

Informiamo che la biblioteca dell'Istituto rimarrà chiusa dal 4 al 31 agosto 2014. Riaprirà lunedì 1° settembre, con il consueto orario: lun-giov 10.00-13.00 e 15.00-19.00; ven 10.00-13.00.

Cattaneo

E’ scomparso Gino Cattaneo, valoroso comandante partigiano, Presidente dell’Associazione Partigiani Matteotti del Piemonte e già Presidente dell’ANPI provinciale, da moltissimi anni socio emerito dell’Istituto Salvemini, con il quale aveva condiviso il recupero e la valorizzazione  della memoria storica dei partigiani socialisti delle Matteotti.

Ci mancheranno la sua limpida coerenza morale e politica e la chiarezza persuasiva di quelle sue parole con le quali sapeva trasmettere ai giovani la grandezza di quelle memorie.