Offerta didattica per l’anno scolastico 2005-2006


Usi della storia, usi della memoria


TRA DUE SECOLI. LE RELAZIONI INTERNAZIONALI NELL’ETA’ DELLA TRANSIZIONE

Ciclo di lezioni svolto in collaborazione con il Centro Servizi Didattici della Provincia di Torino
Modulo didattico rivolto agli studenti delle scuole medie superiori, diviso in tre incontri, dedicato alle relazioni internazionali. Il passaggio da un mondo bipolare, con la divisione tra un occidente liberale e capitalista e un Oriente perlopiù comunista, ad un nuovo assetto dei rapporti internazionali non si è ancora concluso. Anzi, l’elemento che sembra dominare i rapporti tra gli attori della contemporaneità – stati, popoli ma anche imprese, gruppi economici così come culture e società – è l’incertezza riguardo ai destini dell’umanità. Che, secondo certuni, sarebbe addirittura divisa al suo interno da un lacerante “scontro di civiltà”. Profondi cambiamenti si sono verificati nell’ultimo scorcio del Novecento ed altri si prefigurano di qui a breve. Quel che pare assai poco chiaro non è soltanto l’ordine delle prospettive future ma anche il panorama odierno. Di cui si colgono alcuni elementi, senza però riuscire a ricondurli ad un insieme unitario, capace di dare intelligibilità ai processi in atto. La globalizzazione, termine oramai acquisito nello stesso linguaggio di senso comune, assume tuttavia significati diversi a seconda di quanti lo fanno proprio. Vedere il pianeta, osservarlo, in qualche modo capirlo, implica ragionare sugli strumenti e sui modi con i quali si fa tale sforzo. Così come sulle parole che si usano.

1. Le relazioni internazionali nell’età della globalizzazione
Cosa vuol dire, e cosa implica, il ragionare sul nostro pianeta oggi. Quali sono gli indirizzi di massima nei rapporti di forza che, dal momento del crollo del muro di Berlino e dai fatti di piazza Tien An Men ai giorni nostri, si sono  determinati? Quali e quante sono le potenze economiche e politiche capaci oggi, e nel futuro prossimo venturo, di determinare equilibri e percorsi destinati ad influenzare l’umanità? Cos’è il potere oggi e chi lo detiene nel sistema delle relazioni internazionali?

2. La storia “attuale”: il mondo tra globale e locale
Qual è il significato di parole chiave, usate ed abusate? Esistono più rapporti tra particolare e universale; sviluppo e sottosviluppo; economia e ecologia; lavoro, impresa e finanza; identità e storia; stati, identità e  religioni. Quali sono i legami tra le dimensioni locali e quella globale del nostro pianeta?

3. Gli attori del cambiamento e le regole del gioco
Gli stati sono gli unici soggetti della storia dei giorni nostri? Oppure ne esistono di altri? Qual è la funzione delle  Nazioni Unite e del diritto internazionale? Perché si ricorre alla guerra per risolvere le controversie internazionali? Quali sono le risorse materiali ed umane destinate a contare d’ora innanzi? Soprattutto, verso quale pianeta stiamo andando?

Gli incontri, pur contemperando richiami ad elementi di storia contemporanea, costituiscono un percorso nel merito delle relazioni internazionali, sia come disciplina di studio che come ambito di riflessione nel merito delle problematiche relative all’educazione alla interculturalità e alla interdipendenza.
Tre incontri, in successione, della durata di due ore scolastiche l’uno. Per ognuno d’essi è prevista la presenza in classe di un operatore didattico con funzione docente.


IMMAGINI DELLA STORIA, STORIA IMMAGINATA

Ciclo di lezioni svolto in collaborazione con il Centro Servizi Didattici della Provincia di Torino

Modulo didattico rivolto agli studenti delle scuole medie superiori, diviso in tre incontri in consecutiva, dedicato alla storia del Novecento europeo e alle rappresentazioni fotografiche e iconografiche che di essa si sono fatte e risultano a tutt’oggi ricorrenti. Attraverso l’esame in parallelo di parole chiave e immagini ad alto contenuto simbolico, proiettabili in forma di diapositiva in aula, si procederà ad identificare i tratti salienti sia di un percorso storico, quello per l’appunto novecentesco, sia dei modi in cui comunemente lo si è raffigurato e viene elaborato, dai media come nel senso comune. Per ogni incontro si procederà alla presentazione e alla visione di dieci immagini chiave, capaci di racchiudere un insieme di significati, commentate nelle loro implicazioni storiche.

1. Totalitarismi e democrazie
La contrapposizione tra regimi democratici e regimi totalitari attraversa la storia del secolo appena conclusosi. Determinandone l’indirizzo e costituendo le premesse dell’attuale ordine mondiale. Quali sono state le connotazioni più significative dei primi come dei secondi? Su quali elementi, sia su un piano ideologico e culturale che socioeconomico,  si sono differenziate le esperienze storiche tra paesi liberi e dittature? Qual è l’esperienza e quali sono i significati di parole come “libertà”, “oppressione”, “resistenza” e così via rispetto alle concrete situazioni nelle quali individui e gruppi di individui hanno dovuto scegliere del loro destino, spesso in condizione di costrizione e coazione? Quali sono le immagini più significative che il Novecento ci consegna di quelle storie?

2. Guerra e pace
La divisione tra tempo di guerra e tempo di pace, tra confronto armato e soluzione negoziata dei conflitti è un dato periodizzante nella storia umana. Il Novecento è il secolo che si è caratterizzato per una peculiare intensità, violenza e traumaticità dell’esperienza bellica che ha coinvolto, a pieno titolo, anche e soprattutto i civili. Vi è una condivisa memoria della guerra, espressasi in questi ultimi anni anche con la partecipazione alle manifestazioni pacifiste. Quali sono le rappresentazioni del conflitto armato che hanno maggiormente segnato la coscienza europea e, segnatamente, quella italiana? Cosa si ricorda della violenza bellica?  Qual è il lascito culturale, di generazione in generazione, della memoria della distruzione? Quali sono le fotografie che più evocano l’idea di barbarie e quale contenuto di senso danno a tale consapevolezza?

3. Spazio e movimento
Le migrazioni, nell’epoca della contemporaneità, ridefiniscono i confini non solo tra società ma anche tra culture e identità. Sono un fenomeno trasversale alla storia dell’uomo che, dal momento in cui il bipolarismo politico che aveva caratterizzato il Novecento è venuto meno, hanno conosciuto una rinnovata intensità. Del pari i fenomeni di globalizzazione hanno concorso ad abbattere barriere e linee di divisione preesistenti ma si sono accompagnati anche a una maggiore precarietà economica, sociale ed esistenziale per non poche comunità umane. Come sono rappresentati dai media questi eventi? Perché l’idea di migrazione – in sé costitutiva da sempre dell’agire degli uomini  - è spesso formulata nei termini di una “invasione”? Qual è il rapporto tra lo spazio vissuto e condiviso e la percezione dell’altrui movimento, quello per l’appunto migratorio? Come gli strumenti di comunicazione concorrono a definire i fenomeni di movimento del lavoro e dei lavoratori?

Tre incontri, in successione, della durata di due ore scolastiche l’uno. Per ognuno d’essi è prevista la presenza in classe di un operatore didattico con funzione docente che, accompagnandosi alle immagini, commenterà i percorsi di senso storico e culturale racchiusi nei singoli titoli.
E’ richiesta la disponibilità in loco, per parte delle scuole che intendono partecipare al percorso didattico, del seguente materiale tecnico. Un computer portatile in grado di supportare e leggere un programma in power point, un proiettore collegato al computer e uno schermo o una parete chiara adattabile a tale funzione.


LABORATORIO VIDEOSTORICO

Attività laboratoriale svolta per tutta la durata dell’anno scolastico 2005/2006 presso il Cesedi di Torino
II Laboratorio videostonco, in collaborazione con lo "Sportello Multimediale per insegnanti e studenti1' del Centro di Documentazione del Cesedi, intende offrire a docenti e studenti delle scuole di ogni ordine e grado l'opportunità di poter analizzare in maniera attiva materiali filmico-documentaristici sia sul piano storico-concettuale che su quello propriamente tecnico..
L'attività laboratoriale prevede:
• la progettazione di percorsi tematici ad hoc che consentano un approccio problematico alla storia del XX secolo.
• l'usa delle fonti documentarie intese come fonti storiche e la loro analisi critica-
• la costruzione, la decostruzione del documentario e relative manipolazioni, riservando una particolare attenzione all'uso propagandistico che dello stesso è stato fatto nei vari sistemi totalitari e democratici del Novecento.
• l'analisi delle diverse rappresentazioni di uno stesso evento, la loro percezione coeva e contemporanea. l'uso improprio delle immagini e la loro manipolazione.
• la costruzione attraverso brevi montaggi di tesine inerenti le tematiche individuate dagli studenti.
• la predisposizione di percorsi audiovisivi interdisciplinari relativi alle aree di progetto.
In corso d'opera sarà possibile progettare e costruire in cooperazione con studenti, insegnanti ed esperti del settore brevi cortometraggi che permettano una riflessione sulle categorie della contemporaneità e della post-modernità.
Il Laboratorio curato è realizzato e coordinato dal Cesedi con la collaborazione dell’Istituto di studi storici Salvemini.


IMMAGINI  DEL PREGIUDIZIO. VIAGGIO NELL’INTOLLERANZA MODERNA

Ciclo di quattro incontri, articolati tra il Giorno della memoria e la Giornata del ricordo, promosso dalla Seconda Circoscrizione della Città di Torino con l'Istituto di studi storici Salvemini.
venerdì 27 gennaio 2006 Nel Giorno della memoria. L'omicidio di stato e le politiche razziste
venerdì 3 febbraio 2006 Le dinamiche stanche del pregiudizio razziale e i problemi odierni
venerdì 10 febbraio 2006 Nella Giornata del ricordo. Dall'odio antislavo all'avversione contro gli italiani
venerdì 17 febbraio 2006 Imparare a distinguere, imparare a capire. Le diverse forme del pregiudizio

Relatori: Marco Brunazzi e Claudio Vercelli

Ti informiamo che, per migliorare la tua esperienza di navigazione su questo Sito sono utilizzati dei cookies. Cliccando su “Accetto ” o continuando la navigazione saranno attivati tutti i cookies specificati nell' Informativa estesa ai sensi dell’art. 13 del Codice della privacy. per sapere di più sui cookie e come cancellarli guarda la nostra privacy policy.

Accetto i cookie da questo sito