Torino, lunedì 28 marzo 2011, ore 9.00-13.00; 14.30-18.00 – convegno a cura del Comitato Torinese per la Laicità della Scuola in collaborazione con CEMEA Piemonte, CIDI di Torino, FNISM-Sezione di Torino, MCE Torino - Sala conferenze dell'Archivio di Stato di Torino,Piazzetta Mollino, 1

Il Comitato Torinese per la Laicità della Scuola ha tra i suoi scopi statutari la piena affermazione della scuola laica come scuola di tutti, del dialogo critico e del confronto. Il Comitato promuove dibattiti e convegni sulla laicità, i diritti umani, la difesa dei principi costituzionali di libertà e di eguaglianza; dal febbraio 1994 ha organizzato ogni anno un convegno di studio – rivolto principalmente al mondo della scuola – con la partecipazione di docenti universitari e di esperti dei problemi trattati. Gli atti dei Convegni sono stati pubblicati sul trimestrale «Laicità», che ha iniziato a uscire nel 1988 (direttore: Carlo Ottino).
Il Convegno del 2011, Scuola e laicità nell'Italia unita. Questioni storiche e prospettive attuali,che stiamo preparando in collaborazione con il CEMEA Piemonte, con il CIDI di Torino, con la FNISM- sezione di Torino e con il MCE - Torino, si propone di riflettere sui 150 anni dell'Unità sotto il profilo della laicità, con approfondimenti su alcuni momenti della storia della scuola, dal periodo liberale, al fascismo, alla Costituzione repubblicana, alla situazione attuale. Si rivolge soprattutto agli insegnanti delle scuole di ogni ordine e grado e agli studenti della secondaria superiore.

Leggi tutto

Torino, venerdì 25 marzo 2011, ore 9.00-14.00 – convegno a cura del Comitato promotore torinese del bicentenario della morte di Francesco Lomonaco, Sala Conferenze Museo di Scienze Naturali, Via Giolitti, 36

PROGRAMMA

Saluti delle Autorità
in rappresentanza delle Istituzioni comunali, provinciali e regionali di Piemonte e Basilicata

Relazione introduttiva
di Rosaria Bertilaccio, Presidente Comitato promotore torinese del bicentenario della morte di Francesco Lomonaco

Relazioni di:
Marco Brunazzi, Istituto Salvemini, Università di Bergamo
Gianni Oliva, Storico
Anna Maria Rao, Università di Napoli
Fabrizio Lomonaco, Università di Napoli
Antonino De Francesco, Università di Milano

Le relazioni saranno intervallate dalla presentazione dei lavori svolti dagli studenti delle scuole di Torino e Matera che hanno aderito all'iniziativa, nonché da letture e/o drammatizzazioni di brani tratti dalle opere di Francesco Lomonaco, che meglio evidenziano il contributo dato alla causa dell'Unità italiana.

Torino, 24 marzo-3 aprile 2011 – mostra documentaria a cura del Comitato promotore torinese del bicentenario della morte di Francesco Lomonaco, Museo di Scienze Naturali, Via Giolitti, 36

Inaugurazione giovedì 24 marzo 2011, ore 17.30

Questa mostra documentaria, dedicata alla figura di Francesco Lomonaco, uno dei tanti sopravvissuti alla drammatica conclusione della Repubblica Napoletana del 1799 – che vide più di cento condannati a morte, con la conseguente eliminazione di un'intera generazione di intellettuali meridionali –, vuole suggerire una lettura alternativa del 1799: per questo motivo, l'episodio della Repubblica Napoletana, benché centrale, occupa uno spazio modesto e l'attenzione si sposta invece sulla Milano giacobino-napoleonica, dove Lomonaco scrisse ed operò dal 1800 sino al 1810, quando, commettendo suicidio a Pavia, pose termine al sogno, cullato da tutta la sua generazione, di fondare una cultura politica nazionale.
Della sua biografia, e del suo tempo, di cui fu uno dei principali rappresentanti, l'esposizione intende proporre taluni tratti essenziali, senza dimenticare di prendere le mosse dalle fortune della figura di Lomonaco nella natia Montalbano, dove, nel corso dell'800, i discendenti seppero costruire la loro identità politica in uno stretto riferimento al patriottismo del loro illustre antenato.
La mostra non vuole avere una dimensione celebrativa, bensì proporre spunti importanti di riflessione sul significato del trauma del 1799 nel processo di costruzione di una cultura politica unitaria.

Fubini_2L'Unione delle Comunità Ebraiche Italiane, la Comunità ebraica di Torino, il Gruppo di Studi Ebraici, l'Istituto di studi storici Gaetano Salvemini, il Centro Studi Piero Gobetti, il Moviemento d'Azione Giustizia e Libertà, in collaborazione con i familiari di Guido Fubini e con l'Università degli Studi di Torino, bandiscono un concorso a premio annuale intitolato alla memoria di GUIDO FUBINI (1924-2010), giurista

Leggi tutto

  • News

Arte e Shoah

La memoria della Shoah nei lavori di allieve e allievi dell'Accademia Albertina di Belle Arti di Torino

Torino, giovedì 13 gennaio 2011, ore 18.00 inaugurazione della mostra - Museo Diffuso della Resistenza, della Deportazione, della Guerra, dei Diritti e della Libertà, Corso Valdocco4/a

La mostra raccoglie le opere di 18 studenti dell'Accademia Albertina di Belle Arti e rappresenta l'esito conclusivo di un percorso svolto con i docenti dell'Accademia intorno al tema della Shoah.

Leggi tutto

Modena_2010_Convegno_CittMetamorfosi e modernizzazione di un paradigma urbano (dalle Guerre di Indipendenza al secolo XXI)
La redazione di "Spagna contemporanea", in collaborazione con il Dipartimento di Scienze del Linguaggio e della Cultura, il Dipartimento di Studi Linguistici sulla Testualità e la Traduzione dell'Università di Modena e Reggio Emilia e l'Istituto di studi storici Gaetano Salvemini di Torino presentano

Leggi tutto

Istituto di studi storici Gaetano Salvemini c/o Polo del '900 - Via del Carmine 14, 10122 Torino - C.F. 80103950012- Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. - Tel 011 5838337 - Mob 328 1160194 - Credits: Mediafactory Web Agency Torino

Ti informiamo che, per migliorare la tua esperienza di navigazione su questo Sito sono utilizzati dei cookies. Cliccando su “Accetto ” o continuando la navigazione saranno attivati tutti i cookies specificati nell' Informativa estesa ai sensi dell’art. 13 del Codice della privacy. Per scoprire come utilizziamo i cokie e come cancellarli guarda la nostra privacy policy.

  Accetto i cookie da questo sito.