La_propaganda_nazista_e_fascista_nella_guerra_civile_spagnola_img.jpg
  • News

La propaganda fascista e nazista nella guerra civile spagnola

Incontro organizzato nell'ottantesimo anniversario della guerra civile spagnola

13 dicembre 2017 ore 17.30, Sala didattica del Polo del '900, via del Carmine 14, Torino

 Gli interventi

Modera Giacomo Demarchi, Università di Milano
Intervengono
Marco Novarino, Università di Torino - La guerra civile spagnola
Alessio Bottai, Redazione 'Spagna contemporanea' - L'intervento delle truppe fasciste in Spagna
Guillermo Marin, Università dei Paesi Baschi - Il caso della città di Vittoria nei Paesi Baschi

Organizzato da Istituto Salvemini, Fondazione Nocentini, Universidad del Pais Vasco, Dipartimento di lingue e letterature straniere e culture moderne dell'Università di Torino

L'incontro

Nel luglio del 1936 un colpo di stato militare portò allo scoppio della Guerra Civil Española. Per leggittimarsi di fronte alla popolazione, l’esercito ribelle cercò sostegni internazionali, proponendosi come il regime degno di affiancare i due paesi europei presentati come “l’avanguardia dell’Occidente”: L’Italia Fascista e la Germania Nazista.
Prendendo come punto di riferimento la città spagnola di Vitoria, si propone un approccio all'incidenza di questa propaganda a favore dell’Italia e della Germania, attraverso la stampa e le fotografie dell'epoca.

Scarica la locandina

Istituto di studi storici Gaetano Salvemini c/o Polo del '900 - Via del Carmine 14, 10122 Torino - C.F. 80103950012- Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. - Tel 011 5838337 - Mob 328 1160194 - Credits: Mediafactory Web Agency Torino

Ti informiamo che, per migliorare la tua esperienza di navigazione su questo Sito sono utilizzati dei cookies. Cliccando su “Accetto ” o continuando la navigazione saranno attivati tutti i cookies specificati nell' Informativa estesa ai sensi dell’art. 13 del Codice della privacy. Per scoprire come utilizziamo i cokie e come cancellarli guarda la nostra privacy policy.

  Accetto i cookie da questo sito.