Corpi_invisibili.png
  • News

Corpi invisibili

Performance finale del Percorso di danza ideato e condotto dalla coreografa Gabriella Cerritelli.

Sabato 8 giugno h 18, Polo del 900 - Via Del Carmine, 14 Torino

Gianni Bissaca letture
Giorgio Li Calzi tromba e live electronics
Testi tratti da "Le città invisibili" di Italo Calvino

“L'inferno dei viventi non è qualcosa che sarà; se ce n'è uno, è quello che è già qui, l'inferno che abitiamo tutti i giorni, che formiamo stando insieme. Due modi ci sono per non soffrirne. Il primo riesce facile a molti: accettare l'inferno e diventarne parte fino al punto di non vederlo più. Il secondo è rischioso ed esige attenzione e apprendimento continui: cercare e saper riconoscere chi e cosa, in mezzo all'inferno, non è inferno, e farlo durare, e dargli spazio.” Italo Calvino

Come ne "Le città invisibili" Italo Calvino rende visibile l’invisibilità, così il percorso di danza "Corpi invisibili" della sperimentata coreografa Gabriella Cerritelli dà visibilità, spazio e attenzione a un eterogeneo e perciò ricco gruppo di persone di diversa età, formazione, abilità e provenienza.
Persone, come Città calviniane, con la loro memoria, il loro desiderio, i loro scambi, il loro rapporto con il mondo e con il cielo sono stimolate dalle letture live de “Le città invisibili” del seducente attore Gianni Bissaca. La loro musica interiore è suscitata dalla tromba e dal live elettronics del grande Giorgio Li Calzi.

Il Percorso pluriennale “Le città invisibili” è ideato e condotto da Gabriella Cerritelli.
Vi hanno collaborato Isabella Bonapace: psicologa, psicodrammatista, istruttore Mindfulness e Elia Pellegrino: musicista

Fra i principali obbiettivi:
- Creare una poetica dell’inclusione basata sulla diversità e l'integrazione.
- Favorire una dimensione di ascolto e rispetto dell’altro e dell’ambiente attraverso il gesto e il gioco creativo della danza.
- Sviluppare uno sguardo diverso e più attento nei confronti del corpo e della storia che esso porta.
- Portare sul piano esperienziale il superamento delle barriere e delle diversità fra le persone, accogliendo le differenze come potenzialità.
- Ritrovare una dimensione sensoriale ed emozionale quale guida umana verso il riconoscimento reciproco.

Progetto realizzato in collaborazione con: Agenzia per lo Sviluppo Locale di San Salvario, Istituto Salvemini (Polo del 900), Fondazione Piemonte dal vivo - Lavanderia a Vapore (progetto Media-Dance),
Associazione ASD ballo anch'io, Più SpazioQuattro (progetto Backstage di Doppeltraum Teatro).
Con il sostegno di: Associazione Didee arti e comunicazione

Performance finale del Percorso di danza ideato e condotto

dalla coreografa Gabriella Cerritelli.

Gianni Bissaca letture
Giorgio Li Calzi tromba e live electronics

Testi tratti da "Le città invisibili" di Italo Calvino

Sabato 8 giugno h 18
Polo del 900 - Via Del Carmine, 14 Torino

 

“L'inferno dei viventi non è qualcosa che sarà; se ce n'è uno, è quello che è già qui, l'inferno che abitiamo tutti i giorni, che formiamo stando insieme. Due modi ci sono per non soffrirne. Il primo riesce facile a molti: accettare l'inferno e diventarne parte fino al punto di non vederlo più. Il secondo è rischioso ed esige attenzione e apprendimento continui: cercare e saper riconoscere chi e cosa, in mezzo all'inferno, non è inferno, e farlo durare, e dargli spazio.” Italo Calvino

 

Come ne "Le città invisibili" Italo Calvino rende visibile l’invisibilità, così il percorso di danza "Corpi invisibili" della sperimentata coreografa Gabriella Cerritelli dà visibilità, spazio e attenzione a un eterogeneo e perciò ricco gruppo di persone di diversa età, formazione, abilità e provenienza.

Persone, come Città calviniane, con la loro memoria, il loro desiderio, i loro scambi, il loro rapporto con il mondo e con il cielo sono stimolate dalle letture live de “Le città invisibili” del seducente attore Gianni Bissaca. La loro musica interiore è suscitata dalla tromba e dal live elettronics del grande Giorgio Li Calzi.

 

Il Percorso pluriennale “Le città invisibili” è ideato e condotto da Gabriella Cerritelli.

Vi hanno collaborato Isabella Bonapace: psicologa, psicodrammatista, istruttore Mindfulness e Elia Pellegrino: musicista

 

Fra i principali obbiettivi:
- Creare una poetica dell’inclusione basata sulla diversità e l'integrazione.
- Favorire una dimensione di ascolto e rispetto dell’altro e dell’ambiente attraverso il gesto e il gioco creativo della danza.
- Sviluppare uno sguardo diverso e più attento nei confronti del corpo e della storia che esso porta.
- Portare sul piano esperienziale il superamento delle barriere e delle diversità fra le persone, accogliendo le differenze come potenzialità.
- Ritrovare una dimensione sensoriale ed emozionale quale guida umana verso il riconoscimento reciproco.

 

Progetto realizzato in collaborazione con: Agenzia per lo Sviluppo Locale di San Salvario, Istituto Salvemini (Polo del 900), Fondazione Piemonte dal vivo - Lavanderia a Vapore (progetto Media-Dance),
Associazione ASD ballo anch'io, Più SpazioQuattro (progetto Backstage di Doppeltraum Teatro).

Con il sostegno di: Associazione Didee arti e comunicazione 

Istituto di studi storici Gaetano Salvemini c/o Polo del '900 - Via del Carmine 14, 10122 Torino - C.F. 80103950012- Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Tel 011 5838337 - Mob 328 1160194 - Privacy Policy - Credits: Mediafactory Web Agency Torino

. Questo sito utilizza cookie esclusivamente tecnici per permettere una corretta navigazione e la completa fruizione di tutti i contenuti da parte dell utente. Non utilizziamo in alcun modo cookie di profilazione. cookie policy.