Noi non possiamo essere imparziali
possiamo essere soltanto
intellettualmente onesti

gaetano Salvemini
x11a
x2a
x4a
xa12
xa12
xa12
x11a
x2a
x4a
xa12
xa12
x2a

"Credere, obbedire... comunicare" Il fascismo e la costruzione del lessico populista - lecture di David Bidussa.

Ciclo di incontri su FASCISMO E NEOFASCISMI | "Credere, obbedire... comunicare". Il fascismo e la costruzione del lessico populista - lecture di David Bidussa. Presenta Claudio Vercelli

12 settembre 2019, ore 18
Sala Didattica ,Polo del '900, via del Carmine 14, Torino

Testo di riferimento "Me ne frego", Chiarelettere 2019 Parole chiave: linguaggio, contaminazione ideologica e immaginario collettivo Cosa resta del fascismo a più di settant’anni dalla sua sconfitta storica, con la conclusione della tragedia della Seconda guerra mondiale? Per quale ragione ne parliamo ancora? Al di là dei regimi che si ispirarono a quell’ideologia, ciò che rimane è un calco profondo, di natura subculturale, non esauritosi nel 1945 ma riflessosi nei decenni successivi, fino ad oggi, come una sorta di fiume carsico. Se forse non esiste un “fascismo eterno”, quasi un azzardo al di fuori dalla storia, senz’altro è rimasta un’impronta ideologica che continua a manifestarsi. Sia nei movimenti e nei partiti neofascisti, che si richiamano apertamente alla terribile eredità di quel tempo, sia in una più generalizzata propensione a fare proprie modalità di interpretazione e di condivisione delle relazioni sociali di cui il fascismo fu la manifestazione più violenta, conclamata e potente. Ha quindi un senso indagare e riflettere su fascismo e neofascismi, tra rifiuto del pluralismo, negazione del diritto alla differenza e ricerca dell’uniformità intesa come cancellazione di ogni forma di emancipazione individuale e collettiva. In una miscela di coercizione estrema e consenso passivo. Ciò ci può aiutare a ragionare sui limiti delle democrazie sociali quando esse non riescono più a raccogliere e ad affrontate il disagio sociale, l’angoscia che il mutamento genera nelle collettività, la paura di un futuro che si traduce nell’autoinganno di una visione mitologizzata del passato, laddove alla realtà delle macerie si sostituisce la finzione di una falsa gloria. Seguiranno tre seminari di approfondimento: Giovedì 19 settembre 2019 Autore e testo di riferimento: Claudio Vercelli, Neofascismi (Capricorno, 2018) e L’anno fatale. 1919, da piazza San Sepolcro a Fiume (Capricorno, 2019) Espressioni chiave: nazionalizzazione delle masse, crisi dei sistemi liberali e declino delle democrazie Giovedì 26 settembre 2019 Autore e testo di riferimento: Elia Rosati, CasaPound Italia (Mimesis, 2018) Parole chiave: identitarismo, militanza e territori Mercoledì 2 ottobre 2019 Autore e testo di riferimento: Valeria Galimi, Sotto gli occhi di tutti. La società italiana e le persecuzioni contro gli ebrei (Le Monnier, 2018) Parole chiave: esclusione istituzionale

Il progetto

L'iniziativa si svolge all'interno del progetto integrato del Polo del '900 Polo Presente, coordinato dall'Unione Culturale Franco Antonicelli.

Partners

Istituto di studi storici Gaetano Salvemini c/o Polo del '900 - Via del Carmine 14, 10122 Torino - C.F. 80103950012- Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Tel 0110683484 - Mob 328 1160194 - Privacy Policy - Credits: Mediafactory Web Agency Torino

. Questo sito utilizza cookie esclusivamente tecnici per permettere una corretta navigazione e la completa fruizione di tutti i contenuti da parte dell utente. Non utilizziamo in alcun modo cookie di profilazione. cookie policy.